Our Blog

Mostra di Sergio e Alessandro Sorli

Sgarbi illumina un ritratto di Sergio Sorli

MOSTRA DI ALESSANDRO E SERGIO SORLI                                                                                           

 

La donazione al Comune di Tortona di un nucleo di dipinti  dei due artisti tortonesi Alessandro e  Sergio Sorli.

 

 

 

 

Domenica 14 maggio alle ore 10, nell’ambito delle manifestazioni artistiche promosse dal Lions Club Tortona Host e organizzate dallo Studio d’Arte e Restauro Gabbantichità in occasione dei festeggiamenti di Santa Croce, nelle sale del Ridotto del Teatro Civico sarà inaugurata la mostra dedicata ai pittori tortonesi Alessandro e Sergio Sorli, alla presenza degli eredi dei due pittori che formalizzeranno la donazione al Comune di Tortona delle opere esposte.              A seguito di catalogazione definitiva del considerevole numero di dipinti dei due artisti tortonesi Alessandro e Sergio Sorli, i titolari di  Gabbantichità, in accordo con gli eredi, hanno estrapolato un nucleo significativo di opere da destinarsi al Comune di Tortona: con questa generosa donazione gli eredi si augurano che si possa dare inizio a  una definitiva rivalutazione di due grandi artisti che per il loro carattere schivo e, nel caso di Alessandro, molto oscuro e poco incline a seguire le logiche di un mercato dell’arte poco sensibile all’effettiva qualità delle opere ma sempre più legato alle sole logiche commerciali, sono rimasti nell’ombra per molti anni, malgrado la loro bravura e la grande produzione pittorica di entrambi.

La donazione è veramente corposa: ben quarantacinque dipinti di varie dimensioni e con  soggetti vari per entrambi i pittori che illustrano tutto il loro percorso artistico, dagli esordi (per Sergio c’è qualche  opera della metà degli anni Cinquanta particolarmente significativa) fino alle realizzazioni più recenti.  I  paesaggi, sia di Sergio che di Alessandro, sono tutti legati a Tortona  e al suo circondario ; particolarmente suggestiva l’opera di Sergio “Mattino” , una veduta del 1973 di piazzetta S. Rocco, che per Tortona sarà una bella acquisizione e numerosi paesaggi di Alessandro non urbanizzati (colline e vedute dello Scrivia); poi soggetti vari tra cui diverse nature morte di Sergio con forti richiami alle opere di Mario Patri e, di entrambi i pittori, un bel nucleo di autoritratti e ritratti  tra cui spicca un tenerissimo “Studio ritratto – Alessandro bambino” che lo zio Sergio ha realizzato nel 1961 per il nipote Alessandro.

                Nella tarda serata di mercoledì scorso10 maggio c’è stata una piacevole sorpresa legata ai dipinti dei Sorli: Sgarbi ha fatto un’ incursione presso il laboratorio Gabbantichità per visionare direttamente le loro opere in deposito per catalogazione , incuriosito dalle immagini fotografiche che gli avevamo inviato qualche mese fa. Entusiasmato dalla grande qualità e dal numero impressionante di opere in deposito, Vittorio ha promesso di impegnarsi – quando sarà completata la catalogazione definitiva – per la  valorizzazione dei due artisti e ha fotografato diverse opere per iniziare a concretizzare le sue osservazioni.

La mostra rimarrà aperta al pubblico in occasione di Santa Croce, poi le opere andranno definitivamente ad arricchire il patrimonio culturale cittadino venendo inserite a tutti gli effetti nelle Civiche Collezioni del Comune di Tortona, con la previsione di una più ampia esposizione nel prossimo autunno, al termine delle operazioni di acquisizione, studio e inventariazione/catalogazione.

Comments ( 0 )

    Rispondi